SYNTHESIS

Essere IN uno spazio o essere UN PO’ di spazio? Proviamo a perderci. In scena due performer, un grande foglio, pastelli ad olio, un sistema interattivo. La danza muove i colori, “il gesto corporeo traccia segni grafici percepiti e rielaborati da un altro corpo”. Attraverso la pittura d’azione materica e digitale si entra nello spazio per essere spazio.

“Micron riunisce […] provenienze ed esperienze diverse: danza, coreografia, design virtuale e interattivo, musica, comunicazione. […]
Una linea di ricerca è quella dell’applicazione di tecnologie interattive al movimento, in particolarare a quello della danza, interpretata come occasione per costruire testi pittorici.
Ne è nata Synthesis, una performance che si inserisce nella storia delle relazioni tra un corpo in movimento e una pittura liberata da ogni vincolo di definizione formale […]
In Synhtesis la danzatrice lancia nello spazio gesti, che vengono raccolti e tradotti in segni pittorici su uno schermo, mentre un secondo performer riporta su una tela disposta a terra le traiettorie di altri movimenti. La materialità della pittura e l’immaterialità della sua traduzione elettonica possono così incontrarsi e confrontarsi, producendo tracce unite dallo stesso ritmo, ma di natura radicalmente diversa.” (cit. Maria Teresa Roberto)

Corografia: Serena Zanconato
Visual interattivi: Rajan Craveri
Performer: Serena Zanconato, Rajan Craveri
Dipinti sugli abiti: Elisa Bosca
Tecnica e suono: Marco Scevola
Comunicazione: Anna Tomba